APi Newsletter

home
@-mail
print
Login
Astroparticelle - NewsAPi News
logo

Cosmic Rays Newsletter

Questa pagina è dedicata alla newsletter periodica, se volete riceverla periodicamente registratevi, oppure semplicemente visionatela o scaricatela da questa pagina.

 

Ultime news dal Mondo


Prima misurazione della radiazione cosmica sulla superficie lunare (25.09.2020)

Si parla di un ritorno all'eplorazione umana sulla Luna, ma questa è sempre associata al rischio per gli astronauti di assorbire radiazione ionizzante, i quali sarebbero esposti ai pericolosi raggi cosmici e alle particelle solari. Gli strumenti del Lunar Lander cinese Chang’E 4 hanno effettuato per la prima volta una misurazione contemporanea per due tipi di radiazione: particelle neutre (neutroni) e particelle cariche (ionizzanti). I risultati indicano una dose assorbita pari a circa 13 μGy/h (nel silicio) e una dose assorbita di 3 μGy/h per la radiazione neutra (per confronto coi raggi X, siamo nell'ordine di una radiografia dentale panoramica ogni ora - n.d.r.).  I dati sono in accordo coi precedenti risultati di CRaTER, uno strumento a bordo del Lunar Reconnaissance Orbiter che orbita intorno alla Luna.

Fonte: ScienceAdvances


L'Osservatorio di raggi cosmici Pierre Auger affina lo spettro sui raggi cosmici UHECR (24.09.2020)

In due articoli appena usciti su riviste scientifiche internazionali (Physical Review Letters e Physical Review D) sono stati pubblicati i risultati dei dati raccolti e che danno una spiegazione della forte attenuazione del flusso di queste particelle a un energia intorno a 50 EeV (Ultrahigh-Energy Cosmic Rays). Tale fenomeno sarebbe originato dagli effetti combinati della massima energia raggiungibile nei siti di accelerazione e delle interazioni con la radiazione cosmica di fondo. Tra la collaborazione Auger ci sono anche numerosi scienziati italiani.

PDF APS

Fonte: GSSI


Aurora in raggi UV osservata sulla cometa 67P (21.09.2020)

Analizzando i dati della sonda Rosetta, gli scienziati hanno constatato la formazione di un aurora in radiazione ultravioletta sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Un aurora si forma quando gli elettroni del plasma solare sono iniettati a grande velocità nelle atmosfere dei pianeti. Gli elettroni eccitano le molecole che perciò si illuminano. Questo significa che nonostante l'assenza di un campo magnetico la cometa deve avere un campo elettrico che accelera gli elettroni e la debole atmosfera (chioma) permette la formazione dell'aurora, la prima in assoluto osservata intorno a una cometa.

Fonte: ESA


I raggi cosmici interferiscono coi computer quantistici (10.09.2020)

Il computer si impalla? Può dipendere dai raggi cosmici, che la radiazione cosmica possa interferire con il buon funzionamento dei computer è un fatto scoperto già negli anni ottanta, con la miniaturizzazione il problema può aumentare parecchio, anche se le probabilità di interferenza dipende molto dal tipo di memoria elettronica. I ricercatori sulla realizzazione dei computer quantistici - quelli che dovrebbero funzionare tramite Qubit - dicono che sarà impossibile realizzare questi computer se non si tiene conto della radiazione naturale e di quella cosmica (che non è schermabile). Infatti l'elemento che deve stare in una superposizione quantica (il qbit) deve essere totalmente isolato dall'ambiente altrimenti il suo stato di superposizione viene compromesso...

Fonte SciTechDaily


I tunnel di lava dovrebbero essere la nostra massima priorità di esplorazione su altri mondi 02.08.2020

I tunnel di lava si formano quando la superficie della lava fluente si raffredda e si indurisce, ma la lava sottostante continua a scorrere. La lava che scorre può rimanere calda e defluire, lasciando una caverna. Questo accade sulla Terra ed esistono immagini delle sonde spaziali che suggeriscono che ci siano tunnel di questo tipo sia sulla Luna che su Marte. Se Marte contiene indizi sulla sua antica abitabilità, il luogo più promettente per cercarli dovrebbero essere questi tubi di lava. Nelle profondità del sottosuolo del pianeta, le antiche e semplici forme di vita marziana potrebbero aver resistito, protette dai raggi cosmici e dalla radiazione dannosa del Sole...

Fonte: Phys.org

 


To the top

Astroparticelle - schegge per lo sviluppo della conoscenza...


Archivio anni precedenti

N°15-A.2019

N°14-A.2018

N°13-A.2017

N°12-A.2016

N°11-A.2015

N°10-A.2014

N°09-A.2013

N°08-A.2012

N°07-A.2012

N°06-A.2011

N°05-A.2011

N°04-A.2011

N°03-A.2010

N°02-A.2010

N°01-A.2010


Questo sito non è stato istituito a scopo di lucro, le minime pubblicità che appaiono sono poste nel tentativo di autofinanziare e mantenere attivo il dominio astroparticelle.it, se in qualche modo questo sito vi è stato utile e se volete aiutarci a mantenerlo attivo potete donare un piccolo contributo, anche un solo euro può essere utile.


Muon Monitor in real time

x

Iscriviti

Per ricevere aggiornamenti periodici inviaci la tua email.

Inserire la velocità approssimativa della luce nel vuoto in metri al secondo

oppure registrati

Questo modulo serve solo come iscrizione alle newsletter, per accedere all'area riservata è necessario registrarsi.

INFN

CERN LHCF

supernova alert

EOS

supernova alert