APi Newsletter

home
@-mail
print
Login
Astroparticelle - NewsAPi News
logo

Cosmic Rays Newsletter

Questa pagina è dedicata alla newsletter periodica, se volete riceverla periodicamente registratevi, oppure semplicemente visionatela o scaricatela da questa pagina.

 

Ultime news dal Mondo


Le stelle cadenti di Marte 08.02.2020

La sonda automatica InSight arrivata su Marte nel 2018 ha trasportato anche un sismografo per avere indizi sulla composizione interna del pianeta rosso. Se però dovesse cadere un meteorite, il sismografo registrerebbe segnali analoghi a quelli di un terremoto. Per evitare questa possibilità una fotocamera a grande campo controlla l'entrata di meteore nell'atmosfera marziana. Con grande sorpresa tuttavia la camera, proprio per via del suo grande campo inquadrato non riesce a vedere le stelle cadenti, le scie visibili nelle immagini infatti non sono lasciate da meteore in atmosfera ma piuttosto da particelle dei raggi cosmici che colpiscono il sensore della fotocamera.

Fonte: Space


Una tigre al Polo Sud 17.01.2020

L'antartide è un luogo ideale per lo studio dei raggi cosmici, qui periodicamente vengono lanciati grandi palloni stratosferici di lunga permanenza per studiare gli elementi più rari nel flusso dei raggi cosmici. Tra i vari nuclei che arrivano nell'alta atmosfera, circa l'1% è infatti costituito da nuclei pesanti come ferro cobalto e bario, ma per scovarli bisogna volare ai limiti della stratosfera. Super Trans-Iron Galactic Element Recorder (SuperTIGER) è uno di questi palloni che ora ha completato due volte il giro dell'antartide in tre settimane e mezzo e sta ripetendo il volo del 2012 che era durato ben 55 giorni. La ripetizione di questi esperimenti serve per ottenere una maggiore statistica sulle ricerche e cercare di capire come si formano gli elementi pesanti e da dove arrivano. Super Tiger è una collaborazione tra NASA, JPL e due università americane.

Fonte: universetoday.com


20 anni di raggi cosmici al Pierre Auger Observatory 02.12.2019

Centinaia di ricercatori provenienti da tutto il mondo si sono recati in Argentina, per celebrare l'importante anniversario del più grande osservatorio di raggi cosmici del mondo. Ogni novembre, oltre un centinaio di scienziati provenienti da tutto il globo arrivano nella piccola città di Malargüe, in Argentina, sede del Pierre Auger Observatory. L'obiettivo è discutere risultati e piani futuri, ma gli scienziati si sono riuniti anche alla parata del Malargüe Day il 16 novembre, che ha celebrato la fondazione ufficiale della città nel 1950...

 Fonte: APS


Formazioni a spirale sulla Luna sembrano deviare i raggi cosmici 28.11.2019

La superficie della Luna è cosparsa da bizzarre formazioni chiamate lunar swirl: spirali di rocce e polvere dai colori vivaci, larghe decine di chilometri che lasciano gli astronomi completamente perplessi. Rimangono molte domande su come e quando si siano formati i vortici, ma potrebbero derivare da campi magnetici interni o da impatti meteorici. Poiché queste formazioni sembrano deviare il vento solare e i raggi cosmici, alcuni esperti pensano che possano servire da scudi naturali per eventuali persone che alloggino in un futuristico avamposto lunare. Non sarà chiaro se i lunar swirl in realtà deviano abbastanza particelle cosmiche per essere utili, finché un rover non scenderà per effettuare le dovute misure. Comunque sembra evidente che ci sia un chiara interazione tra la radiazione ionizzante cosmica e la superficie lunare.

Fonti: Futurism, Space.com


KATRIN affina le misure di massa sul neutrino 27.11.2019

I neutrini sono particelle al centro di numerose ricerche, alcune anche controverse. Per via della loro piccolissima massa sono difficili da rivelare e misurare, questo vale sia per quelli di provenienza cosmica, sia per quelli "terrestri". Dopo 13 anni dalla sua realizzazione, i ricercatori dell'esperimento "Karlsruhe Tritium Neutrino Experiment" (nato in Germania con lo scopo di ottenere il valore più preciso per la massa del neutrino) hanno pubblicato i risultati dichiarando come limite massimo di massa per il neutrino, il valore 1,1 eV. Questo non significa che sia il suo valore esatto, ma taglia della metà il valore attualmente posto come limite di massa superiore.

Fonte: APS


To the top

Astroparticelle - schegge per lo sviluppo della conoscenza...


Archivio anni precedenti

N°15-A.2019

N°14-A.2018

N°13-A.2017

N°12-A.2016

N°11-A.2015

N°10-A.2014

N°09-A.2013

N°08-A.2012

N°07-A.2012

N°06-A.2011

N°05-A.2011

N°04-A.2011

N°03-A.2010

N°02-A.2010

N°01-A.2010


Questo sito non è stato istituito a scopo di lucro, le minime pubblicità che appaiono sono poste nel tentativo di autofinanziare e mantenere attivo il dominio astroparticelle.it, se in qualche modo questo sito vi è stato utile e se volete aiutarci a mantenerlo attivo potete donare un piccolo contributo, anche un solo euro può essere utile.


Muon Monitor in real time

x

Iscriviti

Per ricevere aggiornamenti periodici inviaci la tua email.

Inserire la velocità approssimativa della luce nel vuoto in metri al secondo

oppure registrati

Questo modulo serve solo come iscrizione alle newsletter, per accedere all'area riservata è necessario registrarsi.

INFN

CERN LHCF

supernova alert

EOS

supernova alert