Astroparticelle - schegge per lo sviluppo della conoscenza...

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)


Astroparticle Detectors Array
Homepage @-mail Login Risorse per la didattica
Ricerca argomento:
23/10/2018
Bookmark and Share
HomeAttivitàDa TerraDallo SpazioAppuntiNewsletterPartnersRecensioni
     
DASHBOARD:
Main Dashboard

Detectors Array:

  1. Detector Venegono
  2. Detector Astroparticelle
  3. Detector Liceo Patrizi
  4. Detector Fano
  5. Detector M.te Lema
  6. Detector Astroparticelle2
  7. Detector Caserta
  8. Detector Mestre
  9. Detector Faenza
  10. Detector Pozzuoli
  11. Detector Desio
  12. Detector Biella
  13. Detector Roma
  14. Detector Torino
  15. Detector Faenza2
  16. Detector Gornate Sup.
  17. Detector Cariati2
  18. Detector Cà del Monte
  19. Detector Mersch
  20. Detector Ivrea
 
 

 

Detector 2 raw data:

 

 

Argomenti correlati:
A.D.A Project
A.D.A Array
Rivelatore di muoni AMD5
Software AstroRad
Software ESA-ADA
Software SOCI ADA
Coincidenze in ADA
Introduzione alle AstroParticelle

 

Per chi partecipa al progetto ADA:

Dalla pagina del pannello di controllo di ADA è prevista una sezione per inserire manualmente i dati mensili dei rivelatori. L'idea è quella di inserire manualmente una volta al mese la media con errore e deviazione standard dei dati rilevati dall'AMD5 (preferibilmente la media di tutto il mese).

Sarebbe interessante aggiungere anche i dati di pressione, temperatura e umidità atmosferica (servirebbero quelli del gradiente atmosferico ma ci accontentiamo di quelli misurati a terra dalla stazione meteo più vicina), alcune stazioni meteo riportano anche il numero di fulmini percepiti. Per finire c'è un campo per inserire qualsiasi nota, ad esempio nel caso si stiano facendo misure particolari e si voglia informare gli utilizzatori di tutto l'array.

I dati della media mensile e dei valori atmosferici sono molto importanti per le misure a lungo termine, è vero che in qualsiasi caso sono disponibili sul server, ma così facilitiamo il compito a chi vuol fare ricerche di questo tipo.

Allo scopo di ottenere rapidamente i dati della media è stato prodotto un ottimo software: ESA-ADA che automatizza il calcolo riducendo l'impegno personale mensile a una manciata di secondi. Per i dettagli e per scaricare il software seguire le indicazioni inserite su questa pagina: Esa-ADA.

Ottenuti i valori, per inserire i dati bisogna accedere alla sezione del proprio rivelatore, dal pannello di controllo di ADA posizionarsi sulla voce "ARRAY" e selezionare il proprio rivelatore seguito dalla voce "plot". Nella finestra che si aprirà, in basso comparirà un modulo per inserire i dati. La password per poter inviare il modulo è stata inviata via e-mail. I record compilati si evidenzieranno nella stessa pagina mese per mese, mentre l'ultimo record di tutti i rivelatori sarà disponibile dalla pagina "DATI" del pannello di controllo.

 

ADA

ADA Astroparticle Detectors Array
Pagina di riferimento per i rivelatori distribuiti nei vari istituti che aderiscono al progetto ADA.

Per visualizzare i dati in tempo reale selezionare Main Dashboard a fianco oppure cliccare qui:

Per sapere tutto sul progetto dell'osservatorio di raggi cosmici UHECR ADA: A.D.A Project

Il grafico che appare sopra indica i rilevamenti dei muoni in real-time nel primo rivelatore installato, se non dovesse comparire il grafico provare a ricaricare la pagina refresh.

 

L'array di ADA:


Visualizza A. D. A. - network in una mappa di dimensioni maggiori.

Lista dei responsabili e rispettive località dei rivelatori:
Marco Arcani, ‘Laboratorio Astroparticelle’, Venegono I. (VA) - Domenico Liguori, Istituto di Istruzione Superiore IIS CARIATI (CS) - Antonio Tegon, Astrofili di Mestre e Santa Maria di Sala (VE) - Fulvio Poglio, Liceo Scientifico Statale Piero Gobetti, Torino - Fabio Arcidiacono, Polo scolastico 2 Torelli, Fano (PU) - Gilberto Luvini, Osservatorio M.te Lema, Vernate CH - Marina Canali, Liceo E. Majorana Desio (MB) - Elia Rubino, Associazione Arma Aeronautica, Reggia di Caserta - Mario Bombardini, 'Il cielo per passione', Faenza (RA) - Giovanni Pezzi, Palestra della scienza, Faenza (RA) - Marco Illiano, Osservatorio privato, Pozzuoli (NA) - Don M. Canti, Osservatorio Privato, Gornate Sup. (VA) - Daniele Pigato e Flavio Frassati, Unione Biellese Astrofili, Occhieppo Inf. (BI) - Giovanni Mele, Liceo Classico e Linguistico Aristofane, Roma - Fabrizio Barbaglia, Planetario Osservatorio Cà del Monte, Cecima (PV) - Andrea Grana, (Liceo) Lycée "Ermesinde", Mersch Lussemburgo.

 

Vademecum per la lettura dei dati:

 

Protocollo di sicurezza

Sul sito www.astroparticelle.it è stato installato il certificato di sicurezza (https) malgrado non fosse necessario, questo rende il dominio più sicuro, il lato negativo è che su alcune pagine che caricano contenuti remoti (in particolare i dati dai siti remoti dei detectors, se non girano su https), può comparire un messaggio di allerta, ovviamente non ci sono pericoli e per visualizzare correttamente i contenuti si può cliccare sulle varie opzioni fornite dai browser (vale per qualsiasi sito con protocollo sicuro):

Per Internet explorer

Cliccare semplicemente su "mostra tutto il contenuto"

 

Con Chrome:

Cliccare sullo scudo in alto a destra e poi su "carica script non sicuri" (in realtà non c'è nessuno script ma solo fonti esterne incorporate che non sono https)

La pagina verrà poi identificata come "Non sicuro"...

 

Con Firefox:

Cliccare sul simbolo di fianco al lucchetto

 

Poi sulla freccina come indicato

 

Poi su disattiva temporaneamente protezione, a questo punto compariranno i dati...

Vademecum per la lettura dei grafici:

 

Per la corretta visualizzazione dei grafici è meglio un browser html 5 come la versione 10 o11 di Internet Explorer o le ultime versioni di Chrome, Firefox e Safari, in particolare I.E. 7 e I.E.8 possono dare problemi di plottaggio dei dati.

Selezionando le relative icone si cambia la visualizzazione dei dati dei grafici.

Come impostazione predefinita è attiva solo quella dei muoni, si ottiene così una visibilità più pulita.

Attivando anche tempo e data e posizionando il cursore sul grafico viene visualizzato punto per punto: campionamento, numero di muoni per unità di tempo, ora e data.

Cliccando e trascinando è possibile fare uno zoom della selezione.

Per tornare alla vista normale cliccare su reset zoom.

 

 

 

Powered by: www.arcarth.com

 

Collabora con noi ׀ Segnala evento

© 2010 - 2018 astroparticelle.it