APi post

home
@-mail
print
Login
Astroparticelle - NewsAPi News
logo

Muoni in mostra

Rivelatori di muoni durante fiere e mostre

Nel periodo estivo si susseguono spesso eventi e sagre di paese, a cui si può partecipare per portare la scienza tra la gente comune. Di seguito si vogliono condividere alcuni pensieri maturati da esperienze passate, durante la partecipazione a manifestazioni di vario tipo, col tentativo di valutare il rapporto sforzo/risultato, in particolare di fronte a un pubblico generico. Questo può essere anche un aiuto nel caso di allestimento di stand scientifici per cercare di prevedere cosa può funzionare e cosa si può evitare.

Durante mostre scientifiche collettive e soprattutto alle fiere di paese si tenta di portare la scienza a livello popolare, ma il riscontro non sempre è quello atteso. Tra le persone, chi ha una curiosità scientifica innata è automaticamente attratto e incuriosito da qualsiasi iniziativa esposta, quindi partecipa, fa domande, interagisce, ma questa parte di individui è una percentuale piccolissima. Chi invece non ha alcuna conoscenza o inclinazione scientifica è difficile che possa rimanere coinvolto da cose troppo "incredibili" e inconsuete come i raggi cosmici. Il compito di un divulgatore di fronte a un pubblico eterogeneo pertanto non è per niente semplice. In circa un decennio abbiamo realizzato diversi rivelatori ed esperimenti, alcuni di essi sono stati esposti a conferenze, mostre ed eventi vari.

Alcuni rivelatori firmati "Astroparticelle"

Millikan's bomb
AMD5-s una versione speciale di AMD5
AMD6 primo prototipo a valigia
AMD8 NESTORE (prototipo per razzo atmosferico)
AMD12SM per voli aerei
Camera a nebbia di Wilson
AMD13
Un tricorder per beta, gamma e muoni

Mostre

Per le mostre astronomiche o comunque di indirizzo scientifico, non ci sono grossi problemi perchè chi le frequenta generalmente conosce questi ambienti e sa cosa aspettarsi, o comunque rientra nella categoria di persone interessate alla scienza. Le persone però, da una mostra si attendono uno standard comune a quello dei musei o delle esposizioni moderne, dove i classici poster sono sostituiti da monitor interattivi o pannelli luminosi, alternati da classici allestimenti. Dal punto di vista economico allestire una mostra di questo tipo l'impegno non è indifferente.

Fiere

Per quanto riguarda fiere o eventi di paese, bisogna purtroppo sottolineare che i cartelli con testi che superano le dieci parole non vengono letti, per cui qualsiasi introduzione all'argomento scritta sarebbe inutile. Questo è un grosso problema poichè mentre il telescopio ottico è conosciuto da tutti, e di fronte ad esso gni persona sa cosa deve fare, il telescopio di muoni è conosciuto al pari di un cromatografo, quindi uno lo guarda, alza le spalle e continua la sua passeggiata.

Per cercare di migliorare il "primo contatto", i rivelatori sono stati spesso collegati a lampade, spie luminose, impianto audio... in questo caso le persone sono sicuramente incuriosite e si avvicinano al banco, ma non leggendo, non possono comprendere cosa hanno di fronte e anzi, alcuni si improvvisano esperti spiegando all'amico cos'è l'oggetto esposto, in questo caso si assiste anche a curiose e divertenti interpretazioni. Naturalmente ci deve esssere sempre personale di supporto che spieghi gli argomenti ai più interessati, tuttavia non è nemmeno pensabile di incaricare un addetto col compito di speaker per una giornata intera, sarebbe un lavoro estenuante che a fine giornata condurrebbe a manifestazioni suicide.

Rivelatori di muoni in mostra

Stand sui raggi cosmici in una fiera di paese
Particelle 'in cuffia' associate a un segnale luminoso
Prova di ALFMED al termine di una conferenza
Particelle e raggi cosmici durante un evento scolastico
Prova di ALFMED
Rivelatore collegato a un sistema audio che spara particelle (riso) in una sfera trasparente
Una calcolatrice conta in tempo reale il numero di muoni catturati
Diversi rivelatori di muoni durante una manifestazione scientifica di un liceo
Raggi 'visibili e invisibili' alla Primaria
Raggi cosmici, gamma e X alla Primaria
Telescopi e rivelatori alla fiera di Tradate
Un palloncino carica l'elettroscopio di Hess (Wulf)

Comunque anche alle conferenze su temi specifici generalmente i rivelatori sono praticamente ignorati, forse perchè sarebbe al pari di portare un bisturi laser a un convegno medico. Un medico lo conosce bene, quindi perchè dovrebbe soffermarsi? A meno che lo scopo non sia quello di vendere gli strumenti, come telescopi o altro, ma questa è un altra storia.

In sostanza è difficile trovare la giusta ricetta per divulgare questa materia, vincono sicuramente le cose più semplici ed esposte nel modo più chiaro possibile. La cosa migliore sarebbe un espositore auto-esplicativo e interattivo, ad esempio al museo MUSE di Trento è esposta una camera a scintille, non funzionante, nessuno sa cosa sia (nonostante sia ben spiegato) quindi se non funziona a chi importa? Però di fronte c'è un pannello con una specie di cabina che fotografa il visitatore in compagnia dei raggi cosmici e invia una email a qualsiasi indirizzo desiderato.

Questo credo che sia un esempio molto valido da imitare e replicare perchè coinvolge, consapevolizza sulla realtà di base dei raggi cosmici e lo fissa nella memoria tramite la email che verrà letta più tardi.

Lo sforzo da parte delle associazioni e dei suoi volontari a organizzare e partecipare a queste manifestazioni è davvero enorme, questo è poco compreso dai visitatori, ma nonostante tutto si partecipa sempre volentieri a questi eventi, perchè basta l'attenzione dimostrata da un piccolo gruppo, o lo stupore di un singolo individuo per appagare lo sforzo di una giornata.

To the top

Astroparticelle - schegge per lo sviluppo della conoscenza...


News dal Mondo


Il primo simulatore di raggi cosmici della NASA - una nuova era nella ricerca radiobiologica spaziale. (21.05.2020)

Mentre c'è eccitazione per i nuovi piani della NASA per il ritorno dell'uomo sulla Luna, allo stesso tempo c’è preoccupazione, dato che  gli astronauti non essendo protetti dal campo magnetico della Terra saranno esposti alla potente radiazione cosmica e solare. I rischi primari includono: carcinogenesi, effetti sul sistema nervoso centrale, effetti sul sistema cardiaco, inibizione del sistema immunitario.La valutazione e mitigazione di questi rischi include la riduzione all'esposizione di ioni pesanti dei raggi cosmici e ad altra radiazione ionizzante nello spazio.
La NASA ha sviluppato un nuovo simulatore GCR (Raggi Cosmici Galattici) per generare uno spettro di particelle primarie e secondarie simile a quello a cui si è sottoposti nelle navicelle spaziali.
Il modello OLTARIS, (the On- Line Tool for the Assessment of Radiation in Space) utilizzabile online sarà utile ai ricercatori per trovare nuove strategie e sviluppare materiali efficaci di protezione per gli astronauti…


Fonte: PLOS Biology


Muon Monitor in real time



⚛ In primo piano

Conferenza streaming online 25.05.2020 ore 21.00

Il ruolo dei raggi cosmici nello studio di pianeti e meteoriti
Rel. Marco Arcani

Particelle subatomiche generate dalle stelle si diffondono nello spazio, sono chiamate astro-particelle o raggi cosmici. La fisica dei raggi cosmici è una scienza multidisciplinare che negli ultimi decenni ha visto una rapida evoluzione in molti dei suoi settori, come quello della datazione degli elementi. Le raffinate analisi di laboratorio abbinate ai modelli di intelligenza artificiale permettono oggi di ottenere risultati molto più precisi rispetto a qualche decina di anni fa. I raggi cosmici come proiettili bombardano perennemente l’atmosfera e modificano gli elementi chimici che incontrano in aria e al suolo. Il carbonio radioattivo o C-14 è l’isotopo più noto creato dalle particelle cosmiche, con questo elemento si possono datare i reperti organici, cioè quelli “viventi” come tessuti naturali, opere in  legno ed esseri del regno animale. Esistono tanti altri elementi prodotti dai raggi cosmici che permettono oggi di datare le rocce e gli eventi geologici e climatici nel passato. Ma c’è molto di più, coi neutroni cosmici possiamo sapere se il suolo dei pianeti che studiamo contiene l’essenza della vita, ovvero l’acqua. Le meteoriti invece ci raccontano la storia del sistema solare attraverso la scrittura delle particelle cosmiche incise nella loro intima natura. La radiazione cosmica che può essere letale per le forme di vita, mostra anche la sua faccia opposta andando a seminare elementi utili alla creazione di un’atmosfera e un ambiente adatto per la formazione di vita primordiale a base di carbonio. Questo è quello che si osserva nelle atmosfere di pianetini del sistema solare come Titano (il satellite maggiore di Saturno) e nei pianeti extrasolari simili alla Terra.





Inspiration

Science woke



Area riservata

Accedi | Registrati

×

x

Iscriviti

Per ricevere aggiornamenti periodici inviaci la tua email.

oppure registrati

Questo modulo serve solo come iscrizione alle newsletter, per accedere all'area riservata è necessario registrarsi.

INFN

CERN LHCF

supernova alert

EOS

supernova alert