APi Experiments

home
@-mail
print
Login
Astroparticelle - NewsAPi News
logo

Rilevamento raggi cosmici sul lago Maggiore

Rievocazione degli esperimenti di Domenico Pacini

Prove tecniche di rilevamento raggi cosmici e radiazione ambiente in superficie sul lago Maggiore 20.09.2012

 


Ormai più di cento anni fa' Domenico Pacini dimostrò che la radioattività ambientale terrestre non è di per se sufficiente a spiegare la radiazione misurata, egli effettuò numerosi rilevamenti, sul mare e sul lago di Bracciano e successivamente immergendo gli strumenti a 3 metri di profondità.

In previsione di ripetere gli esperimenti di Pacini, abbiamo fatto alcune prove sul lago Maggiore grazie alla disponibilità di Sandro Cappelletti titolare della k-computers che nel ruolo di capitano, ha messo a disposizione la propria imbarcazione, che sarà utilizzata anche per la prossima spedizione con gli strumenti ad immersione.
L'esperienza odierna è servita in particolare per testare computer e un nuovo software autoprodotto, mentre il rivelatore utilizzato è stato l'ormai affidabile AMD4, nella spedizione ad immersione è previsto l'utilizzo della medesima strumentazione ma con i sensori (tubi Geiger) separati dallo strumento ed inseriti in un contenitore a tenuta stagna.


Sandro C.
S. Cappelletti

Preparativi della barca a vela-cabinato da crociera.

   

 

Un vecchio notebook collegato al rivelatore di astroparticelle AMD4 e ad un'antenna GPS, il tutto comodamente sistemato nell'abitacolo del natante.

 

 

Analisi dati tramite SciLab. Lo strumento (amd4) ha una sensibilità definita dalla superficie del sensore che è di circa 10 cm2.

 

Uno dei grafici elaborato dal software durante le misure in barca sulla superficie del lago Maggiore a 195 msl, la media è di 22 eventi per 10 cm2 al minuto.

 

Misure a terra al termine della giornata, qui siamo a 270 msl, la media è di circa 45 eventi per 10 cm2 al minuto.

 

Lago Maggiore Laveno

Il monte Sasso del ferro svetta sopra Laveno.

Il rivelatore AMD4 in questa eperienza aveva i tubi Geiger distanziati di solo 1cm, questo vuol dire che aveva un campo di visione molto allargato (circa 52° come nella spedizione VHANESSA) ed è in parte sensibile alla radioattività naturale. Infatti più si allontanano i GMT tra di loro e più l'angolo di cielo inquadrato diventa acuto e conseguentemente la radioattività ambiente è meno influente sulle misure.

I dati comunque mostrano che da terra al lago c'è un calo (drop) di radiazione. Come dimostrato anche da Pacini, se ci si allontana dal suolo la radioattività naturale diminuisce ma con sorpresa non si elimina del tutto. Questo significa che c'è ancora qualcosa nell'aria. Questo qualcosa ormai sappiamo che sono particelle provenienti dai raggi cosmici.
Non soddisfatto dei risultati D. Pacini iniziò ad immergere i suoi rivelatori accorgendosi che la radiazione era molto penetrante ed indipendente da quella naturale.

 

 


To the top

Astroparticelle - schegge per lo sviluppo della conoscenza...


Domenico Pacini
Domenico Pacini


Visualizza Tutto il percorso "Pacini" in una mappa di dimensioni maggiori

Muon Monitor in real time



In primo piano

Conferenza streaming online 25.05.2020 ore 21.00

Il ruolo dei raggi cosmici nello studio di pianeti e meteoriti
Rel. Marco Arcani

Particelle subatomiche generate dalle stelle si diffondono nello spazio, sono chiamate astro-particelle o raggi cosmici. La fisica dei raggi cosmici è una scienza multidisciplinare che negli ultimi decenni ha visto una rapida evoluzione in molti dei suoi settori, come quello della datazione degli elementi. Le raffinate analisi di laboratorio abbinate ai modelli di intelligenza artificiale permettono oggi di ottenere risultati molto più precisi rispetto a qualche decina di anni fa. I raggi cosmici come proiettili bombardano perennemente l’atmosfera e modificano gli elementi chimici che incontrano in aria e al suolo. Il carbonio radioattivo o C-14 è l’isotopo più noto creato dalle particelle cosmiche, con questo elemento si possono datare i reperti organici, cioè quelli “viventi” come tessuti naturali, opere in  legno ed esseri del regno animale. Esistono tanti altri elementi prodotti dai raggi cosmici che permettono oggi di datare le rocce e gli eventi geologici e climatici nel passato. Ma c’è molto di più, coi neutroni cosmici possiamo sapere se il suolo dei pianeti che studiamo contiene l’essenza della vita, ovvero l’acqua. Le meteoriti invece ci raccontano la storia del sistema solare attraverso la scrittura delle particelle cosmiche incise nella loro intima natura. La radiazione cosmica che può essere letale per le forme di vita, mostra anche la sua faccia opposta andando a seminare elementi utili alla creazione di un’atmosfera e un ambiente adatto per la formazione di vita primordiale a base di carbonio. Questo è quello che si osserva nelle atmosfere di pianetini del sistema solare come Titano (il satellite maggiore di Saturno) e nei pianeti extrasolari simili alla Terra.






☄ Il libro Astroparticelle

Il libro AstroParticelle

26.09.2013 - Un viaggio scientifico tra i raggi cosmici raccontato attraverso la storia, le invenzioni i rivelatori e gli osservatori; senza trascurare gli effetti che essi producono coinvolgendo numerose discipline scientifiche tra cui astrofisica, geofisica e paleontologia.

Libro


Area riservata

Accedi | Registrati

x

Iscriviti

Per ricevere aggiornamenti periodici inviaci la tua email.

oppure registrati

Questo modulo serve solo come iscrizione alle newsletter, per accedere all'area riservata è necessario registrarsi.

INFN

CERN LHCF

supernova alert

EOS

supernova alert