Astroparticelle - schegge per lo sviluppo della conoscenza...

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

 
Homepage @-mail Login risorse per la didattica
Ricerca argomento:
23/11/2017
Bookmark and Share
HomeAttivitàDa TerraDallo SpazioAppuntiNewsletterPartnersRecensioni
   
     

Domenico Pacini
D. Pacini

 


Visualizza Tutto il percorso "Pacini" in una mappa di dimensioni maggiori

 

 

Eventi correlati:

V.H.A.N.E.S.S.A.:
Victor Hess Airballoon New Expedition Searching Signal of Astroparticles.

Vhanessa expedition

 

Questo sito non è stato istituito a scopo di lucro, le minime pubblicità che appaiono sono poste nel tentativo di autofinanziare e mantenere attivo il dominio astroparticelle.it, se in qualche modo questo sito vi è stato utile e se volete aiutarci a mantenerlo attivo potete donare un piccolo contributo, anche un solo euro può essere utile.

 

 

 

Il libro AstroParticelle

26.09.2013 - Un viaggio scientifico tra i raggi cosmici raccontato attraverso la storia, le invenzioni i rivelatori e gli osservatori; senza trascurare gli effetti che essi producono coinvolgendo numerose discipline scientifiche tra cui astrofisica, geofisica e paleontologia.

Libro

 

20.09.2012 Rilevamento raggi cosmici sul lago Maggiore - rievocazione degli esperimenti di Domenico Pacini

Prove tecniche di rilevamento raggi cosmici e radiazione ambiente in superficie sul lago Maggiore.

 

Ormai più di cento anni fa' Domenico Pacini dimostrò che la radioattività ambientale terrestre non è di per se sufficiente a spiegare la radiazione misurata, effettuò numerosii rilevamenti, sul mare e sul lago di Bracciano ed immergendo successivamente gli strumenti a 3 metri di profondità.

In previsione di ripetere gli esperimenti di Pacini, abbiamo fatto alcune prove sul lago Maggiore grazie alla disponibilità di Sandro Cappelletti titolare della k-computers che nel ruolo di capitano, ha messo a disposizione la propria imbarcazione, che sarà utilizzata anche per la prossima spedizione con gli strumenti ad immersione.
L'esperienza odierna è servita in particolare per testare computer e un nuovo software autoprodotto, mentre il rivelatore utilizzato è stato l'ormai affidabile AMD4, nella spedizione ad immersione è previsto l'utilizzo della medesima strumentazione ma con i sensori (tubi Geiger) separati dallo strumento ed inseriti in un contenitore a tenuta stagna.

Sandro C.
S. Cappelletti

Preparativi della barca a vela-cabinato da crociera.

   

 

Un vecchio notebook collegato al rivelatore di astroparticelle AMD4 e ad un'antenna GPS, il tutto comodamente sistemato nell'abitacolo del natante.

 

 

Analisi dati tramite SciLab. Lo strumento (amd4) ha una sensibilità definita dalla superficie del sensore che è di circa 10 cm2.

 

Uno dei grafici elaborato dal software durante le misure in barca sulla superficie del lago Maggiore a 195 msl, la media è di 22 eventi per 10 cm2 al minuto.

 

Misure a terra al termine della giornata, qui siamo a 270 msl, la media è di circa 45 eventi per 10 cm2 al minuto.

 

Lago Maggiore Laveno

Il monte Sasso del ferro svetta sopra Laveno.

Il rivelatore AMD4 in questa eperienza aveva i tubi Geiger distanziati di solo 1cm, questo vuol dire che aveva un campo di visione molto allargato (circa 52° come nella spedizione VHANESSA) ed è in parte sensibile alla radioattività naturale. Infatti più si allontanano i GMT tra di loro e più l'angolo di cielo inquadrato diventa acuto e conseguentemente la radioattività ambiente è meno influente sulle misure.

I dati comunque mostrano che da terra al lago c'è un calo (drop) di radiazione. Come dimostrato anche da Pacini, se ci si allontana dal suolo la radioattività naturale diminuisce ma con sorpresa non si elimina del tutto. Questo significa che c'è ancora qualcosa nell'aria. Questo qualcosa ormai sappiamo che sono particelle provenienti dai raggi cosmici.
Non soddisfatto dei risultati D. Pacini iniziò ad immergere i suoi rivelatori accorgendosi che la radiazione era molto penetrante ed indipendente da quella naturale.

 

 

 

Powered by: www.arcarth.com

 

Collabora con noi ׀ Segnala evento

© 2010 - 2017 astroparticelle.it