Astroparticelle logo

In realtà non conosciamo nulla, perché la verità sta nel profondo. (Democrito)

Homepage @-mail Login Risorse per la didattica  
Ricerca argomento:
06/12/2016
Bookmark and Share
AttivitàDa TerraDallo SpazioAppuntiNewsletterPartnersRecensioni
 
     
Organizzazione
Introduzione alle AstroParticelle
Victor Hess e i raggi cosmici
VHANESSA expedition
Rivelatore didattico AMD5
Il progetto A.D.A.
Esperimenti
Segui Astroparticelle su Twitter

Il libro AstroParticelle

Libro sui raggi cosmici

ADA Astroparticle Detector Array

ADA logo
Il progetto sperimentale ADA è rivolto a scuole, istituti, osservatori e privati che vogliano contribuire a realizzare un osservatorio a matrici distribuito su tutto il territorio nazionale.

Monitor Muoni:

Sole e space weather:

I dati del vento solare:

solar wind plotter
 


 

 

 

 

 

In primo piano:

Misurare la radioattività

I raggi cosmici sono composti da particelle ionizzanti, quindi fanno parte della radioattività. Un rivelatore di particelle a seconda di come è impostato può misurare diversi tipi di radiazione (particelle). Un esperimento che si può fare con il rivelatore di raggi cosmici AMD5 è la misura di radioattività ambientale, o prodotta da elementi radioattivi, vediamo come...  

   

Star Party 2016 (Biella)

29 ottobre 2016  Occhieppo Inferiore, Cascina S. Clemente - Orario: dalle 15
Relatori:

Walter Ferreri, INAF-Ist. Naz. di Astrofisica, OATo – Oss. Astrofisico di Torino, Polo Astronomico di Alpette:
"I più grandi telescopi del mondo"

Marco Arcani, FOAM13 – Fond. Oss. Astronomico Messier 13 – Tradate (VA), GAT – Gruppo Astronomico Tradatese:
"I raggi cosmici e il progetto A.D.A. – introduzione alle astroparticelle, come si rilevano e che cosa si può fare a livello scientifico e didattico"

Carlo Benna, INAF-Ist. Naz. di Astrofisica, OATo – Oss. Astrofisico di Torino:
"L'evoluzione stellare"

Per info:  u.b.a@katamail.com

   

Raggi Cosmici su l'Astronomia della UAI

"Uno sguardo sul Sole attraverso lo studio dei raggi cosmici" è l'ultimo lavoro di Domenico Liguori e  Pasquale Barone pubblicato a pagina 18 del numero 5 del periodico della UAI. I due docenti di fisica e matematica attraverso i dati di ADA e del rivelatore AMD5 analizzano la relazione tra raggi cosmici e attività solare, in particolare durante la presenza di solar flare. Liguori e Barone sottolineano inoltre l'importanza didattica di una ricerca di questo tipo condotta con i loro studenti e l'entusiasmo dimostrato dagli alunni nello studio della fisica moderna.

Segnaliamo anche la pubblicazione di D. Liguori: Alice e Pier nel paese della matematica, Progetto 2000.

   

Un esercizio didattico estivo

Con l'arrivo della bella stagione, una gita in montagna può essere una buona occasione per fare un esperimento scientifico sulle astroparticelle. La dimostrazione pratica dell'esistenza della radiazione cosmica può essere fatta anche con un semplice rivelatore di radioattività come un contatore Geiger o un qualsiasi dosimetro commerciale, quindi anche senza uno specifico rivelatore per raggi cosmici...

   

La storica stazione geofisica del Seminario di Venegono

La sede di Venegono Inferiore del Seminario Arcivescovile di Milano per diversi decenni ha ospitato un Osservatorio di fisica terrestre. Le attività di geofisica riguardavano meteorologia, sismologia, elettricità atmosferica, radioattività e raggi cosmici; tra gli strumenti per indagare la radiazione ionizzante e i raggi cosmici l'Osservatorio del Seminario disponeva di quattro camere di ionizzazione accoppiate a un elettrometro di Wulf...

   

 

News:

I neutrini solari influenzano i decadimenti nucleari sulla Terra?

Un trio di fisici ha evidenziato che i neutrini solari potrebbero influenzare i tempi di decadimento radioattivi dell'ambiente terrestre. Mentre precedenti ricerche mostravano una fluttuazione di un anno, il nuovo studio presenta oscillazioni tra gli 11 e i 12,5 anni (che corrisponde a un ciclo solare), l'ultimo dato è ricavato dal Superkamiokande, il grande osservatorio di neutrini  in Giapppone.

Fonte: Physiscworld, Solar Physics


   

31.10.2016 Un mistero per i muoni di Auger 

Il flusso dei muoni, dei raggi cosmici di alta energia misurato dall'Osservatorio Auger, sembra essere superiore a quanto previsto dai modelli basati sui dati di LHC.
Questo probabilmente può indicare che i processi ad alta energia si comportino in modo diverso, da quanto sperimentato a energia inferiore negli acceleratori terrestri...


La ricerca è pubblicata sul Physical review letters 

Altre fonti: 1, 2

   

Asterics e Obelics

 Il 12-14 dicembre in "Casa i Capuccini" a Roma, primo workshop su astronomia e fisica delle astroparticelle, focalizzato su analisi dati in piattaforme cloud e computing models.

   

Tiangong 2

Il 15 settembre è stato lanciato Tiangong-2, il razzo che ha portato in orbita un modulo della stazione spaziale cinese. Questo vettore ha trasportato anche il satellite POLAR per lo studio della polarizzazione dei fotoni gamma prodotti dai GRB. La polarizzazione viene misurata attraverso l'effetto di scattering Compton.

POLAR è una collaborazione tra Cina Polonia e Svizzera.

LHAASO

In questi giorni è stata approvata la costruzione di un grande osservatorio per raggi cosmici in Cina. LHAASO (Large High Altitude Air Shower Observatory) indagherà gli sciami di raggi cosmici prodotti sia da fotoni gamma che da particelle cariche; essendo costruito ad alta quota - oltre i 4000 metri - esso permetterà di ottenere dati più precisi sulle particelle primarie dei raggi cosmici a bassa energia e sui raggi gamma provenienti da resti di supernove.

 

Fonte: Physicsworld

   

I risultati di CLOUD del CERN pubblicati su NATURE!

 Da diversi anni (2011) è attivo un esperimento al CERN chiamato CLOUD, per studiare gli effetti dei raggi cosmici sul clima. In questi giorni su Nature sono stati pubblicati due articoli con i risultati (J Kirkby et al. 2016 Nature 533 521. - J Tröstl et al. 2016 Nature 533 527). I risultati mostrano il ruolo degli aerosol nei cambiamenti climatici in relazione all'attività umana, una questione molto articolata che tra l'altro conferma i raggi cosmici come importanti attori sulla scena del clima...

Fonte: CERN COURIER

   

INFN
CERN LHCF
APPEC-ASPERA
supernova alert
  
Registrati | Accedi all'area riservata:

Powered by: www.arcarth.com

 

Collabora con noi ׀ Segnala evento

© 2010 - 2016 astroparticelle.it